Newsletter subscribe

Catalogo, Narrativa, Sardegna

IL SANGUE DELLA FESTA

Posted: 26 Ottobre 2014 @ 16:32   /   by   /   comments (0)
  • formato 13 x 20
  • pagine 115
  • Brossura filo refe
  • ISBN 978-88-95226-29-5
  • Anno 2013
  • Euro 10,00

………………

Il Sangue della festa inizia con misterioso biglietto d’auguri, cadaveri senza nome, luoghi sacri violati. Un serial killer si aggira per le strade di Cividale del Friuli, scegliendo di colpire sempre in un giorno di festa. Sulle sue tracce un investigatore originario del paese dei tre nuraghi, che pensa da sardo e agisce basandosi esclusivamente sulla deduzione, manifestando orgogliosa ritrosia per le moderne tecniche investigative.

All’ombra del Ponte del Diavolo, una corsa contro il tempo per scoprire il volto del misterioso assassino. E una domanda sospesa per l’intera storia: “Chie ses tue? E puitte t’hana mortu in die nodida?” L’interrogativo accompagna l’intera narrazione: perché l’assassino colpisce solo nei giorni in cui c’è qualcosa da festeggiare? E c’è un legame col simbolismo dei delitti di faida, spesso consumati in Sardegna proprio in “die nodida”, affinché i cari della vittima siano costretti a ricordare per sempre?

La vita del piccolo commissariato di Cividale si intreccia con quella di una cittadina a misura d’uomo, che quasi non avverte il continuo combattersi tra il Bene e il Male.

La soluzione è racchiusa nella mente dell’ispettore originario della Sardegna: indipendentista, quasi anti-Stato e pure così legato al senso del dovere e all’amore per una divisa che lo ha affrancato dalla condizione di povertà. Il volto dell’assassino si rivelerà in tutto la sua drammaticità.

………..

ANTHONY MURONI, direttore del quotidiano “L’Unione Sarda”, è nato nel 1972 in Australia. Nel 2005 ha scritto il libro L’inedita confessione del prete-bandito, incentrato sulla figura dell’ex ergastolano di Sedilo Peppino Pes. Nel 2012 ha pubblicato per Èthos il volume Francesco Cossiga dalla A alla Z. Il vocabolario del sardo che viveva per la politica, finalista per il premio Fiuggi-Storia nella sezione biografie e menzione speciale al Premio Alziator 2012.